#arteecultura

Artgate incontra le Fondazioni europee: Da Tiepolo a Richter, l’Europa che dialoga

A partire dal 24 maggio le sale del Cinquantenarie Museum si apriranno per svelare l’incanto di capolavori d’arte provenienti da prestigiose raccolte di 13 Fondazioni europee. Ben 100 opere d'arte - tra dipinti, sculture, opere su carta, libri, arazzi, fotografie, oggetti in porcellana e argento, monete antiche – racchiuse in un percorso, dagli incontri rivelatori e sorprendenti, che si sviluppa a partire dal Quattrocento per concludersi nel Novecento.

Le opere di artisti come Auguste Rodin, Giovanni Battista Tiepolo, Jacob Jordaens, Albrecht Dürer e Francesco Hayez, si legano con quelle contemporanee di Gerhard Richter, Georg Baselitz, Ernst Ludwig Kirchner, Maria Helena Vieira da Silva e Leon Spilliaert, in un dialogo di grande armonia e bellezza.

Le Fondazioni europee unite nel segno dell’arte: la rassegna è promossa dalla Fondazione Re Baldovino, in collaborazione con Fondazione Cariplo, Fundação Calouste Gulbenkian, Finnish Cultural Foundation, Fondazione Banca del Monte di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fundação Oriente, Jenny and Antti Wihuri Foundation, Olbricht Foundation, Prins Bernhard Cultuurfonds, Saastamoinen Foundation, Svenska Kulturfonden et Vereniging Rembrandt, e si inserisce nell’ambito delle iniziative promosse per le celebrazioni dell’Anno Europeo del Patrimonio.

Le Fondazioni aderenti sono attive nel campo della conservazione e valorizzazione del comune patrimonio culturale, e la partecipazione all’evento espositivo è l’occasione per mettere in primo piano il loro impegno per garantire la trasmissione e la salvaguardia di condivisi patrimoni di valori, cultura e identità a favore delle future generazioni.

Le eccellenze della Collezione della Fondazione Cariplo in mostra: da questa comunanza di intenti nasce l’adesione alla mostra da Tiepolo a Richter, che vede la Fondazione Cariplo dare il suo contributo per affermare e promuovere, in un contesto europeo, il ruolo dell’arte come strumento di dialogo, confronto e incontro.

 “Per Fondazione Cariplo questa iniziativa rappresenta un’occasione unica per diversi motivi. E’ la prima delle iniziative che abbiamo in programma per celebrare l’Anno del Patrimonio Europeo e ricordare ciò che ha fatto in questi anni la Fondazione per la cultura, con un mecenatismo moderno che ha impegnato oltre un miliardo di euro a favore di più di 10 mila progetti in ambito culturale; numerosi di questi sono legati alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio culturale, un tesoro per il nostro Paese ” - dichiara Giuseppe Guzzetti, Presidente di Fondazione Cariplo. “E’ un’operazione di sistema, realizzata insieme ad altre Fondazioni: attraverso l’arte, con questa mostra, vediamo i valori di un’Europa unita di fronte a tanti problemi che ci attanagliano. Ed è a Bruxelles, non a caso, collocata nel contesto internazionale della riunione di tutte le Fondazioni che fanno capo ad EFC – European Foundation Centre, in una cornice prestigiosa come il museo che la ospita. Eppure, anche se al centro dell’Europa, anche se al centro della città, anche se in un luogo prestigioso, non dimentichiamo quanto l’arte e la cultura possano far bene alle periferie, dell’Europa e delle città. Siamo convinti che la cultura sia una leva potente di crescita delle persone, che armonizza anche i rapporti. Operiamo da sempre in questa direzione ed oggi siamo impegnati in grandi programmi come LacittàIntorno, che a Milano intende rigenerare le periferie proprio a partire dalla capacità che la cultura, unita agli aspetti sociali, ha nel riallacciare relazioni e porvi basi solide.”

Le opere della Collezione Cariplo selezionate per la rassegna sono ben 12 e ripercorrono stagioni dell’arte pittorica italiana ed europea, dal Quattrocento alla fine dell’Ottocento: Da Bartholomäus Zeitblom - definito dal poeta tedesco Justinus Kerner ‘il Leonardo tedesco’- a Francesco Hayez, il grande esponente del romanticismo italiano presente in mostra con il capolavoro ‘I due Foscari’, passando attraverso le meravigliose tele ‘Cacciatore a cavallo’ e ‘Cacciatore con cervo’ del giovane Giambattista Tiepolo, i suggestivi paesaggi di Ramsay Richard Reinagle, arrestandosi davanti alla grandiosità del Duomo nell’opera di Luigi Bisi.

La Collezione d’arte della Fondazione Cariplo: un incanto da svelare Fondazione Cariplo vanta una collezione d'arte di notevole valore storico e artistico che si compone di 766 dipinti, 118 sculture, 53 oggetti e arredi risalenti al primo secolo d.C. alla fine del ventesimo secolo. La raccolta offre una vasta gamma di opere d'arte, dai manufatti in pietra risalenti al primo secolo d.C., alla scultura in legno medievale, attraverso dipinti del Rinascimento italiano e del Barocco ai capolavori dell'Ottocento italiano, e in particolare dell'arte lombarda.

Questo importante patrimonio artistico è principalmente custodito presso le sedi milanesi di Palazzo Melzi d’Eril (sede di Fondazione Cariplo), Palazzo Confalonieri (Centro Congressi Cariplo), il Santuario di San Giuseppe e Museo Diocesano. La sola scultura di Antonianos di Afrodisia, è conservata al Palazzo Massimo (Roma). Accessibile al più ampio pubblico, il solo nucleo ottocentesco della Collezione, esposto stabilmente presso la sede museale di Gallerie d’Italia in Piazza Scala a Milano nella sezione  ‘ Da Canova a Boccioni’.

Per svelare e valorizzare la collezione d’arte detenuta, la Fondazione ha elaborato il Progetto Artgate, articolato in varie proposte culturali destinate al più ampio pubblico (allestimento di un sito dedicato www.artgate-cariplo.it, prestiti temporanei di opere d’arte a prestigiose mostre in Italia e all’estero, partecipazioni ad altri eventi culturali in sinergia con altre istituzioni culturali – Wikipedia, Acri, Google art Project) e ad attività didattiche rivolte particolarmente al mondo della scuola (iniziativa ArtL@b).

Le intenzioni divulgative si sono arricchite con l’iniziativa OPEN, un tour di eventi espositivi, in partenariato con le Fondazioni di Comunità locali, che a partire dal 2017 sta portando il patrimonio artistico della Fondazione Cariplo in tutta la Lombardia, nelle province del Verbano-Cusio-Ossola e di Novara. Il progetto è inserito tra le iniziative dell’Anno Europeo del patrimonio Culturale.

L’intento è portare l’arte nelle comunità, rendendola accessibile a un più ampio pubblico, in particolare ai giovani. Ben quattro le rassegne realizzate nel 2017. Nel 2018 sono state ideate 3 rassegne (Verbania, Armonie Verdi, Museo del Paesaggio, dal 25 marzo al 30 settembre 2018; Mantova, Fato e destino tra mito e contemporaneità, Palazzo Ducale, dal 6 settembre 2018 al 6 gennaio 2019; Bergamo, L’incanto svelato. L’arte della meraviglia da Baschenis a Tiepolo, da Maggiolini a Manzù, Palazzo Stoppani, dal 1 dicembre 2018 al 24 marzo 2019), arricchite da un denso programma di eventi culturali che coinvolgono la collettività, dove la presenza dei giovani studenti è significativa, con attività laboratoriali e progetti di Alternanza Scuola lavoro.

Il tour Open si propone come un viaggio di scoperta, per restituire un affascinante e inatteso affresco di storie, di mondi da esplorare. E’ un incanto che si apre agli occhi del visitatore.

Per maggiori informazioni sulla mostra clicca questo link.

Gallery